Cos'è THORChain (RUNE)? liquidità cross-chain

20220831-thor-rune

THORChain è un protocollo di liquidità decentralizzato che consente agli utenti di scambiare asset in un contesto privo di permessi. 
Consente lo scambio di asset nativi di livello 1, come BTC, agendo come gestore di caveau. 
Per proteggere la sua rete, THORChain utilizza Tendermint e Cosmos-SDK. Utilizza inoltre schemi di firma a soglia (TSS) per il suo caveau primario senza leader.

THORChain è stata concepita nel 2018 da un team che ha partecipato a una Dexathon di Binance (competizione di codifica di scambi decentralizzati). 
THORChain facilita la liquidità cross-chain e riduce la necessità di scambi centralizzati e di terze parti nello spazio DeFi. Consente scambi cross-chain e la generazione di rendimenti su cripto-asset come Bitcoin ed Ethereum.


Come funziona THORChain?

THORChain è una rete di livello 1 basata su Cosmos SDK e Tendermint. THORChain funziona come uno scambio decentralizzato (DEX) senza permessi. Utilizza anche schemi di firma a soglia (TSS) per proteggere il suo caveau di asset senza leader. Tendermint e TSS forniscono un meccanismo di consenso Byzantine Fault Tolerance (BFT) a strati, e per l'entrata e l'uscita dei fondi dal caveau primario di TSS è necessario il consenso della maggioranza dei due terzi.

Nell'ecosistema THORChain esistono quattro tipi di utenti principali:

- Gli swapper che utilizzano i pool di liquidità per scambiare asset.
- Fornitori di liquidità che aggiungono liquidità ai pool e guadagnano ricompense.
- Operatori di nodi che forniscono obbligazioni e sono pagati per proteggere il sistema.
- Trader che monitorano e riequilibrano i pool con l'intento di ottenere profitti.

A differenza di altri protocolli cross-chain, THORChain non avvolge gli asset prima dello scambio. Al contrario, utilizza gli asset nativi di THORChain per eseguire scambi di asset autonomi e trasparenti.

Gli asset swap sono abilitati dai pool di liquidità. Questi pool sono costituiti da asset apportati dai fornitori di liquidità e sono garantiti da una rete di operatori di nodi.
I fornitori di liquidità depositano i loro asset nei pool di liquidità di THORChain per ottenere un rendimento, composto da commissioni di swap e ricompense di sistema
Chiunque può aggiungere liquidità a un pool esistente, rendendo THORChain priva di permessi. Inoltre, THORChain non è custodiale, perché solo il depositante originale può ritirare gli asset che ha depositato nel pool. I fornitori di liquidità possono anche proporre nuovi pool di asset, a condizione che questi asset siano token di una catena supportata nell'ecosistema.

Gli operatori dei nodi, chiamati THORNodes, sono indipendenti e comunicano tra loro per formare una rete di scambio tra catene. In cambio della sicurezza della rete, riceveranno ricompense sotto forma di commissioni per ogni scambio effettuato. Prima di diventare operatore di un nodo, un utente deve fornire un bond di RUNE. Queste obbligazioni sono tenute come garanzia per assicurare che gli operatori dei nodi si comportino nel migliore interesse di THORChain. Il totale delle obbligazioni deve essere pari al doppio delle RUNE messe in comune.

Durante uno scambio di asset, gli swapper inviano i loro asset a THORChain e ricevono un altro asset. Ad esempio, quando si scambia BTC in ETH, gli swapper invieranno i loro BTC a THORChain. Quando il BTC entra nella rete, ci sarà uno scambio da BTC a RUNE e poi uno scambio da RUNE a ETH. L'ETH verrà quindi inviato allo swapper da un caveau di THORChain. Questo processo consente a THORChain di effettuare swap nativi senza avvolgere gli asset.

I prezzi di mercato su THORChain sono regolati dai trader di arbitraggio, che a loro volta definiscono il valore degli asset swap. Questi trader cercano gli asset che hanno prezzi errati tra i mercati per trarre profitto dalle differenze di prezzo. Questo meccanismo consente di regolare i prezzi del mercato THORChain in modo naturale, senza bisogno di oracoli.
Con questo modello di pool di liquidità, THORChain è in grado di determinare quanto vale un asset in qualsiasi altro asset semplicemente utilizzando i saldi del pool. In effetti, THORChain agisce come un gestore di caveau che monitora i depositi e i prelievi, utilizzando i rapporti del pool per prezzare gli asset. Ciò contribuisce a creare liquidità decentralizzata, eliminando gli intermediari centralizzati.


Cosa rende THORChain unica?
THORChain è un DEX che non richiede il wrapping per gli scambi di asset. Altri vantaggi di THORChain sono:

Scambiatori e trader
  • Hanno la possibilità di scambiare asset nativi di livello 1 su più blockchain.
  • Non devono essere registrati: chiunque può inviare una transazione e THORChain eseguirà lo scambio.
  • Non hanno bisogno di avvolgere i loro asset - THORChain utilizza i suoi caveau di asset nativi per eseguire gli swap.
  • Possono accedere a prezzi trasparenti ed equi senza affidarsi a terze parti o oracoli centralizzati.
  • Godono di liquidità su richiesta in qualsiasi momento.

Fornitori di liquidità
  • Guadagnare sugli asset inattivi come BTC, ETH, BNB e LUNA.
  • Godere di una protezione contro le perdite impermanenti (IL) fino al 100% dopo 100 giorni di permanenza nel pool.  
  • Non sono soggetti a periodi di blocco.
  • Non devono essere registrati.
  • Non devono avere a che fare con terze parti.

Operatori di nodi
  • Guadagnano ricompense quando mettono in sicurezza la rete.
  • Incoraggiati a rimanere anonimi per aumentare la decentralizzazione.
  • Non è richiesta la registrazione.

Che cos'è RUNE?

RUNE è la moneta nativa di THORChain. All'interno della rete, funge da coppia base per gli utenti che possono scambiare RUNE con qualsiasi altro asset supportato. Ha una dotazione di 500 milioni e quattro casi d'uso principali: regolamento, sicurezza, governance e incentivi.

RUNE come asset di regolamento
Il RUNE è l'attività di regolamento per tutti i pool di liquidità e facilita gli swap tra due pool. Per ogni pool è richiesto un rapporto 1:1 tra RUNE e ASSET. Ad esempio, un pool con 100.000 dollari in BTC dovrà detenere 100.000 dollari di RUNE.

RUNE per la sicurezza
Per garantire la sicurezza, gli operatori dei nodi devono vincolare un numero di RUNE doppio rispetto all'importo aggiunto a un pool. Le obbligazioni RUNE sono detenute come garanzia per assicurare che gli operatori dei nodi si comportino nel migliore interesse della rete.

RUNE per la governance
I titolari di token RUNE possono scegliere a quale attività o catena dare priorità. Lo fanno votando con la loro liquidità. Ad esempio, un pool che ha il maggior numero di RUNE impegnate avrà una priorità maggiore.

RUNE per gli incentivi
Le ricompense per i blocchi e le commissioni di scambio vengono pagate ai fornitori di liquidità e agli operatori dei nodi in RUNE in base a un programma di emissioni stabilito. Le RUNE possono essere utilizzate anche per pagare le tariffe del gas.

La denominazione più piccola di RUNE, chiamata Tor, è di otto punti decimali. RUNE mira ad avvicinarsi a un valore deterministico prevedibile. Per progetto, il market cap di RUNE dovrebbe essere almeno tre volte il valore totale delle attività non RUNE nei pool di liquidità dell'ecosistema.


Come DEX cross-catena in DeFi, THORChain sta aprendo la strada agli swap di asset autonomi. La progettazione di RUNE come strumento di regolamento, asset di sicurezza, governance e incentivo consente di utilizzare il modello di swap nativo di THORChain in un ambiente decentralizzato e su più blockchain. 

×
Stay Informed

When you subscribe to the blog, we will send you an e-mail when there are new updates on the site so you wouldn't miss them.

Care agenzie, cancellate le vostre presentazioni s...
NFT #12 | YouTube Implementa Metaverso, Blockchain...

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Martedì, 04 Ottobre 2022